Avvisi Parrocchiali – Domenica 12 aprile 2020 – Pasqua di Risurrezione

Domenica 12 aprile 2020

 

* Oggi celebriamo la Domenica di Pasqua nella Risurrezione del Signore.

Continuano a rimanere in vigore le limitazioni legate all’emergenza “Coronavirus”, con l’impossibilità a celebrare comunitariamente la festa che è al centro della nostra esperienza di fede cristiana. Ci viene chiesto un ulteriore sacrificio, da accogliere con disponibilità per il bene di tutti, ricordando l’impegno di tutti coloro che stanno impiegando le loro migliori energie per sconfiggere questa malattia. Ci auguriamo che si possa tornare al più presto alle nostre celebrazioni comunitarie e cerchiamo di vivere questi giorni partecipando attraverso la televisione agli appuntamenti previsti. La gioia del Risorto porti in ciascuno di noi e nelle nostre famiglie la pace e la serenità.

* Con una lettera del Vescovo e del Vicario Generale, la nostra Diocesi di Treviso nei giorni scorsi ci ha dato indicazioni per i prossimi giorni, in sintonia con quanto stabilito dalla Conferenza Episcopale Italiana.

– le celebrazioni della Settimana Santa dovranno svolgersi a porte chiuse, con la presenza dei soli celebranti. Il Vescovo invita i parroci a non favorire la trasmissione via streaming delle celebrazioni del Triduo Pasquale (che possono essere realizzate solo con condizioni tecniche precise e alla presenza solo del celebrante) e invita tutti i fedeli a sintonizzarsi invece attraverso la televisione con le celebrazioni presiedute da papa Francesco, oppure con quelle presiedute dal Vescovo diocesano. In questo modo si intende cercare di vivere in modo più preciso l’unità di tutti i cristiani intorno ai loro Pastori. Ai sacerdoti viene data indicazione di celebrare privatamente, possibilmente nello stesso orario delle celebrazioni del Vescovo, per indicare in questo modo la comunione con la propria Diocesi. Per la nostra Parrocchia le celebrazioni si svolgeranno nella cappellina che si trova in canonica, come è consentito dalle indicazioni diocesane per le comunità religiose o sacerdotali, per semplificare la celebrazione e non dover coinvolgere altre persone nel servizio liturgico.

– Per il Sabato Santo la celebrazione della Veglia Pasquale sarà in forma semplificata, senza l’accensione e la benedizione del fuoco, con la sola accensione del cero presso l’altare, senza la processione e con la proclamazione dell’Annunzio pasquale.

– Per quanto riguarda la confessione sacramentale, l’indicazione che viene data è quella di vivere nella preghiera una sincera richiesta di perdono al Signore, accompagnata dal desiderio e dall’impegno a confessarsi appena possibile. Questa preghiera, secondo le indicazioni della Chiesa, ottiene il perdono dei peccati. Sarà proposta dalla Diocesi una Scheda utile a vivere personalmente un momento di preghiera penitenziale.

– Infine il Vicario Generale precisa che sicuramente fino a Pentecoste (31 maggio) sono sospese le celebrazioni dei Sacramenti dell’Iniziazione Cristiana (prima confessione, prima comunione, cresima). Riguardo a questo saranno date indicazioni nel prossimo futuro.

In allegato vengono fornite date e orari delle celebrazioni presiedute dal Santo Padre papa Francesco e dal nostro Vescovo Mons. Michele Tomasi, con le indicazioni per potersi sintonizzare attraverso la televisione e partecipare in questo modo ai riti della Settimana Santa:

 

 

Celebrazioni del Santo Padre Francesco

11 aprile 2020    Sabato Santo

ore 21.00             Veglia pasquale nella notte santa

12 aprile 2020    Domenica di Pasqua – Risurrezione del Signore

ore 11.00             Santa Messa del giorno

 

Celebrazioni del Vescovo Michele

11 aprile 2020    Sabato Santo

ore 22.00:            Veglia pasquale nella notte santa

Diretta streaming: www.lavitadelpopolo.it e www.diocesitv.it

12 aprile 2020    Domenica di Pasqua – Risurrezione del Signore

ore 9.00               Santa Messa del giorno

Diretta TV: Antenna 3;

Diretta streaming: www.lavitadelpopolo.it e www.diocesitv.it

Riflessioni del Vescovo Michele

Trasmesse in diretta televisiva su Antenna 3 e

diretta streaming su www.lavitadelpopolo.it e www.diocesitv.it

Sabato 11 aprile 2020, ore 17.30               Riflessione su Sabato Santo e Veglia Pasquale

 

 

* Ringraziamo tutti coloro che in vario modo si stanno prendendo cura della nostra comunità in questi giorni difficili, dando la loro disponibilità soprattutto verso gli anziani, gli ammalati, le persone sole e quanti sono più bisognosi.

* E’ sempre consultabile il sito internet della Parrocchia di Cornuda, che prevede anche una sezione per le Parrocchie di Covolo e di Nogarè. E’ uno strumento utile per rimanere informati sulle attività della Parrocchia, soprattutto in questi momenti, che cercheremo di tenere sempre aggiornato. Il sito si può trovare a questo indirizzo: www.parrocchiasanmartinocornuda.it

* A tutti voi l’augurio di una Buona e Santa Pasqua insieme a tutte le vostre famiglie. Il Signore risorto doni a tutti gioia e speranza. Don Francesco, don Antonio, don Lino, don Rodrigo, don Ivo, don Ado, Rettore del Santuario della Madonna della Rocca, insieme alle Suore della Rocca e a tutti i collaboratori della Parrocchia.

 

“Sono risorto, e sono sempre con te;
tu hai posto su di me la tua mano,
è stupenda per me la tua saggezza.

Alleluia. (cf. Sal 139,18.5-6)

Con queste parole si apre la celebrazione dell’Eucaristia nella solennità del giorno di Pasqua. E’ la cosiddetta “antifona d’ingresso”, cioè il versetto della Scrittura posto all’inizio della liturgia del giorno e che solitamente non viene quasi considerato, perché sostituito dal canto d’ingresso.

Il testo, assolutamente non banale, fa riferimento al Salmo 139 e costituisce una sorta di dialogo, tra il Crocifisso Risorto e ciascuno di noi, anzi – dovremmo dire – tra il Cristo e l’umanità intera.

Abbiamo imparato in queste settimane il “distanziamento sociale” e ci è stato insegnato che è questo il modo più utile per volerci bene l’un l’altro e per rispettare l’impegno di quanti ce la stanno mettendo tutta negli ospedali e nelle case di riposo per curare gli ammalati e farci riprendere al più presto una vita che abbia sapore di normalità.

Pur lontani tra di noi fisicamente, tuttavia come cristiani sappiamo che non è spezzata quella comunione che ci unisce e che ci rende fratelli e sorelle; soprattutto non è interrotta quella vicinanza che il Signore stesso ha promesso a coloro che confidano in lui: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Mt. 28,20) dirà Gesù ai suoi discepoli dopo la sua risurrezione, garantendo con questa promessa che nessuno di noi, neanche nelle situazioni più estreme potrà mai più sentirsi solo.

E la risposta credente che costituisce la seconda parte di questo breve dialogo è tratta proprio dal Salmo: “Tu hai posto la tua mano su di me, ed è stupenda per me la tua saggezza”. Ecco l’annuncio di salvezza… ed ecco anche l’augurio di Pasqua: la certezza che la mano del Signore è posta su di noi e che ogni esperienza, ogni situazione anche se umanamente difficile è ormai abitata dalla speranza, perché la saggezza di Dio è stupenda e si tratta solo di comprenderla un po’ alla volta, mettendosi dalla parte di Dio, condividendo il suo sguardo di benedizione sulla vita, sul mondo, sull’uomo.

Non siamo quindi in balìa di una sorte malvagia, di un virus che ci ha sconvolto la vita, di una tensione che logora il cuore e la mente, ma siamo sotto “la mano di Dio”, che ci protegge e ci invita ad assumere una saggezza “nuova”, frutto dell’incontro con lui e dell’esperienza pasquale.

Che il Signore ci doni di innalzare a lui il nostro “Alleluia”, come ci suggerisce l’antifona e ci doni la serenità di chi si sente protetto dalla mano provvidente di Dio, nel tentativo di imparare da lui una saggezza che ci renda uomini nuovi, perché consapevoli dell’amore di Dio e della necessità di una comunione sempre più piena e più viva tra di noi.

Buona Pasqua.

Don Francesco.

 

* Le intenzioni delle S. Messe che non vengono celebrate in chiesa in questo periodo sono ugualmente ricordate dai sacerdoti nella S. Messa che celebrano ogni giorno privatamente nella cappellina della canonica, pregando per il bene di tutta la nostra comunità cristiana.

 

Sabato, 11 Aprile 2020 
SABATO SANTO

Veglia Pasquale

—        def.ta Caberlotto Lina

 

Domenica, 12 Aprile 2020 
PASQUA DEL SIGNORE

Solennità della Risurrezione del Signore

—        def.ti Zavarise Livio, Guido e genitori

def.ti Zavarise Erminio e Aldo

def.ti Battistin Palmiro, Tentonello Rina, Pierina e Bof Galliano

def.ti Mondin, Baù, Scoero e Rossi

def.ti Brunati Anna Maria e Mario, Gallina Aldo e Flora

Lunedì, 13 Aprile 2020 
LUNEDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

—        def.to Zandonà Alfonso

 

Martedì, 14 Aprile 2020 
MARTEDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

—        pro offerente

 

Mercoledì, 15 Aprile 2020 
MERCOLEDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

—        pro offerente

Giovedì, 16 Aprile 2020 
GIOVEDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

—        pro offerente

Venerdì, 17 Aprile 2020 
VENERDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

—        pro offerente

Sabato, 18 Aprile 2020 
SABATO FRA L’OTTAVA DI PASQUA

—        def.ta Caberlotto Lina

def.ti Orsato Mirco, Teresa e Giulio

def.to Toffolo Livio

Domenica, 19 Aprile 2020
DOMENICA DELL’OTTAVA DI PASQUA
II di Pasqua o della Divina Misericordia

—        def.ti Toaldo Rino e Masin Gina

 

 

Autore dell'articolo: Don Francesco Marconato